Premio Roscini-Padalino | Fondazione Brunello e Federica Cucinelli

Grande amante della musica classica strumentale, Leandro Roscini è stato socio degli “Amici della Musica” per moltissimi anni e tra i più assidui ed entusiasti frequentatori dei concerti organizzati dall’Associazione perugina.

Prima della sua scomparsa nel 2001, ha voluto destinare una cospicua parte del suo patrimonio a favore di giovani strumentisti umbri che intendono fare della musica una carriera professionale.

Gli “Amici della Musica” di Perugia sono stati onorati di essere stati prescelti da Leandro Roscini come strumento operativo per la realizzazione del suo generoso progetto, al quale intendono contribuire con il massimo impegno.

Il fondo del Premio è stato incrementato ulteriormente da un generoso lascito testamentario di Giancarlo Padalino, amico di vecchia data di Leandro Roscini. 

La Fondazione Brunello e Federica Cucinelli nasce nel 2010 con l’intento di diffondere e realizzare gli ideali che hanno alimentato l’aspirazione umanistica di Solomeo. Obiettivo dei suoi programmi è sostenere ogni iniziativa che valorizzi la conoscenza, la tutela del territorio e dei monumenti, i valori della tradizione, i valori spirituali e quotidiani dell’uomo.

Sono questi i valori che oggi rinascono a nuova vita, e che hanno speciale bisogno di essere accompagnati e accresciuti. In tutto il mondo, grazie anche a internet, soprattutto i giovani cominciano a credere in quegli ideali che hanno costituito per secoli la guida dello Spirito del mondo e che hanno generato le mille tradizioni, le consuetudini sulle quali si è formata la società. In tutto il mondo gli ideali diventano protagonisti della rivalutazione della persona umana e dell’ambiente nel quale vive.

La Fondazione, convinta “che il futuro non è del tutto nostro ma non è neanche del tutto non nostro”, si prefigge di avvalorare la persona umana e i suoi ideali nei suoi momenti gloriosi ma anche nei momenti più deboli, della senilità, della giovinezza, della ma- lattia, della solitudine. Intende restaurare la dignità della persona umana nel contesto dell’ambiente di vita e di lavoro, considerando importantissimo il territorio e in particolare le periferie di ogni tipo, secondo le aspettative che Brunello e Federica Cucinelli ripongono in una vita felice.

Ogni iniziativa della Fondazione ha come obiettivo diretto o indi- retto la promozione di tale vita felice, intesa in senso epicureo, cioè una vita dove il troppo da un lato e il troppo poco dall’altro siano rimodulati sulle reali esigenze materiali e spirituali dell’uomo, che forse in questi ultimi anni sono state un po’ superate. La lettera sulla Felicità di Epicuro è posta come pietra angolare e come ispira- zione etica alla ragione stessa della Fondazione: “Una ferma cono- scenza dei desideri fa ricondurre ogni scelta o rifiuto al benessere del corpo e alla perfetta serenità dell’animo”.

Dal 2003 fino ad oggi, vincitori del Premio sono stati:

Giacomo Menna (violoncello) – Riccardo Bonci (organo) – Adriano Falcioni (organo) – Lorenzo Lucca (violino)  – Laura Mariotti (clarinetto) – Stefano Menna (violino) – Giovanni Menna (viola) – Marco Bartoli (chitarra) – Luca Franceschelli (fagotto) – Yumi Palleschi (pianoforte) – Benedetta Rossetti (pianoforte) – Jona Venturi (flauto) – Alberto Toccaceli (percussioni) – Federica Guasticchi (oboe) – Iacopo Brustenga (violino) – Sebastian Hayn (clarinetto) – Mattia Venturi (corno) – Agnese Menna (violoncello) – Cecilia Rossi (oboe) – Federico Pedini (chitarra) – Federico Venditti (violino) – Flavio Pannacci (trombone) – Colomba Betti (violino) – Fabio Afrune (pianoforte)

A partire dal 2021, il Premio non è più riservato a giovani neodiplomati nati e residenti in Umbria, ma è aperto a musicisti di tutto il territorio nazionale, e viene affiancato da quattro Borse di Studio annuali – cofinanziate con generosità dalla Fondazione Brunello e Federica Cucinelli – destinate all’attività dell’Orchestra da Perugia, sia nel capoluogo umbro che  al Teatro Cucinelli di Solomeo.

Scarica la Brochure del Premio